Uso di canapa (Cannabis sativa) e cannabidiolo (CBD) in alimentazione animale

Nota del Ministero della Salute sull’uso di canapa (Cannabis sativa) e cannabidiolo (CBD) in alimentazione animale.

In merito all’oggetto e considerato il crescente interesse verso prodotti di tal genere, la scrivente intende fornire indicazioni chiare in merito all’utilizzo della materia prima “canapa” e dei suoi derivati in alimentazione animale.
La canapa (Cannabis sativa) è una materia prima inserita nel Catalogo comunitario delle materie prime per mangimi (Reg. UE 1017/2017) nelle sue forme: pannello, olio, farina e fibra di canapa.
La pianta intera e le sue parti, in stato fresco o trasformato (essiccato, congelato, in polvere etc..) sono notificate in varie voci presenti nel Registro on line delle materie prime per mangimi.
Tali prodotti, possono essere considerati conformi alla definizione di materie prime per mangimi “prodotti di origine vegetale o animale, il cui obiettivo principale è soddisfare le esigenze nutrizionali degli animali, allo stato naturale, freschi o conservati, nonché i derivati della loro trasformazione industriale, …” fornita dal reg.(CE) 767/09. […]. 

Scarica il documento

Potrebbero interessarti anche...